4 SINTOMI svelano il CONTAGIO nei BAMBINI4 SINTOMI svelano il CONTAGIO nei BAMBINIIl COVID nei bambini si può diagnosticare in anticipo, attraverso la comparsa di 4 sintomi principali, che possono aiutare a riconoscere in anticipo il contagio. Ne ha parlato Elena Bozzola, segretario nazionale della Società Italiana di Pediatria, attraverso le pagine del quotidiano Repubblica.
Naso che cola, laringite, mal di gola e qualche linea di febbre: sono i sintomi più comuni che si manifestano tra i bambini che si contagiano con la variante Omicron.

Niente di molto diverso dal classico raffreddore frequenti tra i piccoli scolari in pieno inverno, ma dopo la morte a soli 10 anni del piccolo Lorenzo, i genitori sono in allerta, spaventati pure dal fatto che nell'ultima settimana nei bambini tra 5 e 11 anni sono state registrate circa 400 ospedalizzazioni sulle 834 complessive che hanno riguardato la popolazione 0-19 anni. Nel 15% dei casi, invece, i bambini rimangono asintomatici.

Cosa fare in caso di comparsa di questi sintomi? Anche per i più piccoli valgono le regole degli adulti: per evitare di contagiare i compagni di scuola, ma anche gli stessi genitori, è bene rimanere in casa cercando di utilizzare, laddove possibile, i sistemi di protezione individuale. Come detto, fondamentale sarà un tampone per capire se si tratta di coronavirus o di una semplice influenza. Sarà il pediatra di fiducia, in una seconda fase, a indicare quale sia il trattamento più indicato.

Attenzione a non sottovalutare il virus: nella settimana compresa tra l’11 e il 18 gennaio sono aumentati del 27,5% i ricoveri dei pazienti pediatrici, con 10 casi gravi, finiti in terapia intensiva: Il 34% dei ricoverati ha meno di 6 mesi mentre, 2 minori su 3 hanno meno di 4 anni, non rientrando dunque nelle categorie vaccinabili.