Domenica, primi segnali di cambiamentoDomenica, primi segnali di cambiamentoDopo una lunga ed anomala egemonia, l'area di alta pressione sub tropicale, ancora presente sul nostro Paese, comincia a dare i primi preoccupanti segnali di affaticamento. Dopo un inizio di weekend tutto sommato ancora caldo e discreto sul fronte meteo-climatico, il secondo step del fine settimana comincerà a mostrare i primi sintomi di un prossimo cambiamento nella circolazione generale atmosferica con l'arrivo di improvvisi temporali.
Vediamo allora cosa ci aspetta per la giornata di Domenica e soprattutto dove scoppieranno i temporali.

Già dalle prime ore di Domenica, l'atmosfera ci farà intuire che qualcosa sta cambiando. Registreremo infatti parecchie nubi sul Nordovest specie sui rilievi del Piemonte, in Liguria ma anche su alcuni tratti del Centro come sui litorali toscani, laziali e sulla Sardegna. Su queste aree potrebbero cadere inoltre deboli piovaschi. Poche invece le variazioni sul resto del Paese dove un generoso soleggiamento ci accompagnerà per tutto il corso della mattinata.

La situazione meteo subirà un ulteriore peggioramento nel corso del pomeriggio quando scoppieranno improvvisi temporali. Le aree a maggior rischio saranno i settori alpini, specie quelli centro-occidentali, il basso Piemonte e i litorali toscani, in particolare la fascia costiera centro-meridionale. Piogge deboli potranno inoltre bagnare le aree interne del Centro come i rilievi abruzzesi e laziali.
Sul resto d'Italia anche il pomeriggio e la sera trascorreranno sotto il dominio del tempo buono salvo per il passaggio di qualche nube che non darà comunque luogo a fenomeni.

Sul fronte termico, ci attendiamo una moderata flessione delle colonnine di mercurio sul Nordovest e in generale nelle aree raggiunte dal brutto tempo, mentre sul resto del Paese continuerà questa infinita estate settembrina.