Proiezioni per febbraioProiezioni per febbraioL'inverno non è affatto finito, anzi! Le proiezioni per l'ormai prossimo mese di febbraio confermano questa tendenza. A causa di un improvviso stratwarming, il Vortice Polare sta per andare letteralmente a PEZZI facendo aumentare le probabilità di ondate gelide in discesa verso l'Italia. Facciamo dunque il punto della situazione con gli ultimi aggiornamenti per capire meglio le prospettive per il prossimo mese.

Ma cosa sta accadendo sopra al Polo Nord? Come possiamo intuire dalla mappa sottostante, in questi giorni si sta scatenando uno stratwarming. Con questo termine, in meteorologia, si fa riferimento a un anomalo e intenso riscaldamento della stratosfera terrestre, proprio sopra la regione artica, nell'ordine anche di 50/60°C nel giro di pochissimi giorni.

Tale riscaldamento, una volta attivatosi, tende gradualmente ad espandersi in direzione dell'alta troposfera, con ripercussioni sul Vortice Polare nell'arco circa di 2/4 settimane: il settore troposferico immediatamente inferiore, infatti, viene costretto a deformarsi (in termine tecnico si parla di "dislocazione del vortice polare") o a suddividersi in 2-3 minimi depressionari distinti ("split del vortice"), i quali poi viaggiano, almeno in parte, in direzione delle medie latitudini, provocando ondate di freddo fin nel cuore dell'Europa e quindi pure sull'Italia.

ULTIMI AGGIORNAMENTI - Analizzando le ultimissime dinamiche in atto in sede stratosferica, entro la prima decade del prossimo mese il vortice polare potrebbe verosimilmente entrare in crisi, suddividendosi in più slot, con la possibilità di poderosi scambi meridiani (ovvero correnti fredde che scendono da Nord verso Sud). Come già accaduto nello scorso mese di dicembre, fronti molto freddi e instabili in discesa dalle regioni artiche potrebbero fluire dapprima verso l'Europa occidentale, investendo poi l'Italia già dai primissimi giorni del mese.
Il rischio è quello di dover fare i conti con una perturbazione piuttosto fredda, con elevata probabilità di nevicate fino a quote molto basse sulle regioni centro-settentrionali (per i dettagli occorre ovviamente aspettare ancora qualche giorno).
Essendo previsioni a medio e lungo termine occorre ricordare che si tratta solamente di una visione generale sul tempo atteso e NON una previsione dettagliata per la singola località.