L’ESTATE guastata prima del previstoL’ESTATE guastata prima del previstoL'avvio dell'ESTATE 2020 appare piuttosto debole: l'anticiclone africano non ha ancora sferrato attacchi micidiali al nostro Paese, mentre temporali e gradine continuano ad imperversare su molte regioni: sarà fragile anche il prossimo mese di AGOSTO?
Facciamo dunque il punto della situazione per capire di cosa si tratta, sulla base delle ultime proiezioni sul medio e lungo periodo per quanto riguarda questa complicata stagione estiva.

Dando uno sguardo al quadro meteorologico a livello europeo emerge chiaramente una profonda anomalia sul comparto centro settentrionale: si tratta di un flusso atlantico molto vivace, in grado di pilotare perturbazioni su diverse Nazioni e saltuariamente anche sul nostro Paese.

Qualcosa quindi sta andando storto rispetto agli ultimi anni, quando l'anticiclone africano riusciva ad impadronirsi del Mediterraneo centrale, proteggendolo da qualsivoglia irruzione fresca e instabile. Sia nella prossima settimana, ma soprattutto dopo la metà del mese non sono da escludere nuovi break temporaleschi, localmente anche molto intensi, dapprima sulle regioni del Nord e poi in estensione anche al resto dell'Italia. Insomma, questa ferita nella fase centrale della stagione estiva è un duro colpo per il nostro Paese e per l'alta pressione non sarà agevole ricucirla in fretta.

Secondo le ultime tendenze a lungo termine del Centro Europeo, pure il mese di Agosto potrebbe dimostrarsi particolarmente fragile, in balìa di molteplici situazioni di instabilità sul nostro Paese, con ondate di caldo che certamente ci saranno, ma che verosimilmente saranno poche e non di lunga durata.
La motivazione di queste anomalie risiede nelle particolari disposizioni bariche rispetto al passato, con la maggior ingerenza dell'anticiclone delle Azzorre a dispetto di quello subtropicale in arrivo dal Nord Africa.

La stagione estiva, in poche parole, potrebbe risultare abbastanza movimentata con l'alternanza di brevi ondate di caldo interrotte da temporali senza praticamente mai avere ondate di caldo roventi e durature.