Temperature in aumento e freddo in stand-byTemperature in aumento e freddo in stand-byLe prossime 48 ore saranno contrassegnate da temperature in aumento, con freddo di conseguenza in stand-by, ma anche dai primi segnali di un peggioramento delle condizioni meteo. Vediamo dunque come evolverà il quadro meteorologico fino a venerdì.

Le miti e umide correnti atlantiche hanno ormai definitivamente sostituito quelle più fredde e secche provenienti dal Nord Europa e che hanno caratterizzato il contesto meteo-climatico dei giorni scorsi. Le temperature hanno già iniziato a subire un generale aumento, soprattutto di giorno e in particolare sulle regioni centro-meridionali.
Giovedì 28 sarà infatti una giornata caratterizzata da valori massimi che potranno toccare anche i 16/17°C, per esempio sulle due Isole maggiori e fino a 14/15°C su diverse aree del Centro, come a Roma.
Sul fronte meteo, salvo per una maggiore nuvolosità sparsa su gran parte del Paese, dovuta all'incremento del tasso di umidità nell'aria, il rischio di pioggia si manterrà comunque abbastanza basso. Faranno eccezione alcune spruzzate di neve sui rilievi alpini di confine e qualche effimero piovasco nelle aree interne della Sardegna e sul Levante ligure.
Questi saranno solamente i primi segnali di un graduale peggioramento.

Venerdì 29, infatti, a causa di un ulteriore rinforzo delle correnti umide oceaniche, transiterà una moderata perturbazione che porterà più nubi e qualche locale piovasco a spasso per il cieli del Nordest, sulla dorsale appenninica e sul basso Tirreno. Nubi sparse e qualche occhiata di sole invece sul resto del Paese. Nonostante il transito di questo debole fronte, su alcune regioni i termometri non si faranno certo intimorire e riusciranno ulteriormente a salire fino a spingersi su valori prossimi ai 18/19°C nelle aree interne della Sardegna e della Sicilia, con una moderata risalita anche sul resto del Sud. Rimarranno pressoché stazionarie invece altrove, salvo per qualche grado in più nei valori minimi al Centro-Nord.

In seguito, avremo un clima ancora abbastanza mite su alcuni angoli d'Italia, tuttavia, nel corso del weekend è atteso l'arrivo di un peggioramento più evidente che coinvolgerà diverse regioni.