Ultimi aggiornamenti per le prossime settimane di SettembreUltimi aggiornamenti per le prossime settimane di SettembreQueste prime settimane di settembre sono trascorse all'insegna di condizioni meteo quasi estive su buona parte dell'Italia, salvo per il passaggio di veloci break temporaleschi.
Ma attenzione, la seconda metà di SETTEMBRE si preannuncia a dir poco movimentata: prima un ciclone investirà in pieno l'Italia portando piogge e temporali poi non è da escludere la prima irruzione fredda dal Polo Nord.

Facciamo il punto della situazione analizzando l'ultimo incredibile AGGIORNAMENTO dei modelli meteorologici.

Per i prossimi giorni e almeno fino al 20 non sono attese grandi novità, grazie ad un vasto campo di alta pressione di origine africana che garantirà tempo stabile e caldo su buona parte dell'Italia. La classica estate settembrina insomma, una costante degli ultimi anni.

Per un cambio drastico delle condizioni meteorologiche dovremo aspettare l'ultima settimana del mese, quando, intorno al 23/24 settembre, una profonda depressione (ciclone) sospinta da masse d'aria più instabili di origini atlantiche darà il via ad una fase di maltempo piuttosto intensa.

Al momento le previsioni dei principali modelli indicano precipitazioni abbondanti in particolare a partire dalle regioni del Centro Nord (Piemonte, Lombardia, Liguria, Toscana). Il peggioramento potrebbe successivamente estendersi anche al resto del Paese. Visti i forti contrasti che dovrebbero venirsi a creare, non escludiamo il rischio più che concreto di fenomeni alluvionali e nubifragi, come purtroppo anche la cronaca recente e degli ultimi anni ci ha insegnato.

Queste condizioni di instabilità, secondo il modello americano GFS, potrebbero accompagnarci fino alla fine del mese a causa di un'anomalia di pressione presente sul comparto Atlantico in grado di pilotare perturbazioni a raffica verso l'Europa e quindi anche sull'Italia. Attenzione poi, secondo gli ultimissimi aggiornamenti, proprio in concomitanza con gli ultimi giorni del mese e i primi di ottobre spunta l'ipotesi dell'arrivo di una massa d'aria fredda di origine polare in discesa dalla Russia. Se ciò dovesse venire confermato le temperature subirebbero un drastico calo con valori fin sotto le medie climatiche di riferimento, specie al Centro Nord. Non escludiamo che possa tornare la neve sulle montagne, di questo però avremo modo di riparlarne..