FIAMMATA AFRICANA IMMINENTE con picchi fino a 44°CFIAMMATA AFRICANA IMMINENTE con picchi fino a 44°CNei prossimi giorni una sempre più intensa fiammata africana colpirà il nostro Paese e su alcune zone i termometri potrebbero toccare addirittura picchi fino a 44°C.

Il caldo è servito! Si torna a sudare dunque e lo faremo nel peggiore dei modi in quanto ad avvolgere il nostro Paese, con il suo carico di venti bollenti, ci penserà l'anticiclone africano. In queste sempre più frequenti parentesi di caldo a tratti davvero esagerato, molti di noi si chiedono dove sia finita invece l'alta pressione delle Azzorre ben conosciuta anche come l'anticiclone buono, in quanto capace di regalarci estati con un tipo di caldo decisamente più sopportabile e soprattutto senza eccessi. Purtroppo per vedere il nostro vecchio compagno di viaggi delle estati di una volta, bisogna spostarci in pieno atlantico e dunque di alcune migliaia di chilometri. Da lì proprio non si muove e chissà se un giorno si ricorderà di noi e delle tante stagioni estive trascorse insieme, baciati da un sole decisamente meno incandescente.

Ma torniamo ora ai giorni nostri e cerchiamo di capire dove si farà sentire maggiormente la grande calura attesa nei prossimi giorni.
Dopo un sabato già piuttosto bollente per molte regioni d'Italia, il picco di caldo è atteso nelle giornate di domenica 25 e lunedì 26 (almeno inizialmente). Se ci spostiamo verso alcuni settori della Sardegna, qui troveremo il cuore più rovente dell'alta pressione africana. Secondo i dati provenienti alla nostra App su alcuni angoli dell'Isola si potranno toccare picchi fino a 43-44°C. Ma il grande caldo avvolgerà comunque molte altre zone del Paese. Al Sud ad esempio si toccheranno un po' ovunque valori mediamente intorno ai 35-37°C localmente qualcosina di più in Puglia. Caldo in aumento deciso anche al Centro nonostante non ci attendiamo valori come in Sardegna. Le città più calde saranno infatti Firenze con 36°C e Roma con 35°C.

Al Nord invece le cose potrebbero andare un po' diversamente. Qui il "fornello" dell'anticiclone africano non riuscirà ad alzare la fiamma come sul resto del Paese in quanto dovrà fare i conti con una stabilità atmosferica decisamente traballante. Più nubi, qualche temporale ed un inevitabile minor irraggiamento solare, saranno alla base di un contesto termico sicuramente meno bollente rispetto al resto d'Italia. Farà eccezione solo l'Emilia Romagna dove una maggior presenza del sole permetterà alle colonnine di mercurio di salire intorno ai 36-37°C ed in città come Bologna, Ferrara e Forlì.