Ancora 4 regioni a RISCHIO TEMPORALI e GRANDINE nelle PROSSIME OREAncora 4 regioni a RISCHIO TEMPORALI e GRANDINE nelle PROSSIME OREProseguirà anche nelle prossime ore la fase temporalesca che ha colpito alcune zone del nostro Paese. Tra la sera e la notte infatti saranno ancora a rischio almeno 4 regioni.

Sembra di essere tornati alle estati di una volta, quelle dove l'alta pressione estiva dispensava una maggior e calda stabilità atmosferica al Sud e su gran parte del Centro, mentre al Nord lasciava un po' più di spazio a parentesi temporalesche e anche ad un tipo di clima meno caldo. Peccato però che a dominare le estati dei giorni nostri non c'è più l'anticiclone delle Azzorre, bensì quello africano che dispensa tanto caldo su tutto il Paese.

E' un scenario che si ripete ormai da parecchi giorni con un Italia sotto una canicola sempre più pesante ed il passaggio di qualche temporale pronto a colpire alcuni angoli del Nord.
Nelle prossime ore infatti, saranno almeno 4 le regioni a rischio di temporali che si manifesteranno soprattutto nella seconda parte del giorno. Di fatto la forte calura fungerà da energia per lo sviluppo di improvvise celle temporalesche cariche di forti rovesci, intense raffiche di vento e locali grandinate.

Vediamo allora nel dettaglio come evolverà la situazione meteo nelle prossime ore e soprattutto quali saranno le regioni maggiormente coinvolte. Dopo una vivace attività temporalesca nel corso del pomeriggio, ecco che nelle prossime ore i comparti alpini e prealpini centro-occidentali continueranno ad essere bersaglio di focolai temporaleschi. Le 4 regioni più a rischio saranno ancora una volta il Piemonte, la Valle d'Aosta, la Lombardia e il Trentino alto Adige. Solo localmente residui rovesci potranno bagnare i settori più settentrionali pianeggianti piemontesi e lombardi.

Poche invece saranno le novità sul resto del Paese dove l'alta pressione continuerà ad essere alimentata da aria sempre più calda a garanzia di una nottata dove si dormiranno sonni tranquilli ma piuttosto caldi.