Previsioni meteo per il weekendPrevisioni meteo per il weekendCi attendono colpi di scena sul fronte meteo in vista del prossimo weekend di sabato 29 e domenica 30 gennaio a causa degli scombussolamenti in atto a livello europeo, con il Vecchio Continente letteralmente strattonato tra poderose avanzate dell'alta pressione da una parte e gelide correnti settentrionali dall'altra.
Gli aggiornamenti appena arrivati mostrano una tendenza piuttosto particolare per il fine settimana, con effetti che non saranno del tutto omogenei sull'Italia.

Dando uno sguardo al quadro sinottico europeo emerge in maniera chiara come già dai prossimi giorni e poi anche nel prossimo weekend un'area di alta pressione prenderà letteralmente il sopravvento sull'Europa occidentale, favorendo così un periodo di stabilità atmosferica che si annuncia piuttosto rilevante.
In termine tecnico questa particolare disposizione pressoria prende il nome di blocco atmosferico: possiamo identificarlo come un'area anticiclonica sostanzialmente "bloccata" e in grado di stazionare in un vasta zona per diverso tempo: immaginatelo come una sorta di muro contro le perturbazioni atlantiche.

Quali saranno le conseguenze, nel concreto? L'Italia sarà divisa in due dal punto di vista meteorologico: nel corso di sabato 29 se su buona parte del Centro-Nord e sulla Sardegna è lecito aspettarsi giornate soleggiate, sui settori adriatici e al Sud l'ingresso di correnti d'aria più fredde in discesa dai Balcani favorirà un brusco calo delle temperature e non è escluso che possano verificarsi pure delle nevicate fino a quote basse. Il nostro Paese si troverà dunque in una sorta di "terra di confine": da un lato l'anticiclone e dall'altra dalle fredde grinfie di una depressione russa che a più riprese cerca di inviare impulsi perturbati sul bacino del Mediterraneo.

Domenica 30 le condizioni meteo potrebbero invece mantenersi un po' più tranquille su tutto il Paese, anche se le temperature risulteranno ancora piuttosto basse, specialmente al primo mattino, con elevato rischio di estese gelate soprattutto nelle principali città del Centro-Nord.
Ma la stabilità è destinata a non durare.