Capodanno 2020 col Botto?Capodanno 2020 col Botto? Ci stiamo avvicinando sempre di più a dicembre e all'inizio della prossima stagione invernale e con le proiezioni sul medio e lungo periodo possiamo già farci un'idea di quello che potrebbe aspettarci. Si interromperà dunque questa fase di MALTEMPO INFINITO sull'Italia, o dobbiamo attenderci nuove perturbazioni, magari anche più a carattere freddo? Scopriamolo subito con gli ULTIMI AGGIORNAMENTI ufficiali del Centro Meteo europeo.

Le notizie non sono buonissime. La lunga serie di depressioni atlantiche che ha condizionato finora praticamente tutto il mese di novembre potrebbe infatti prolungarsi anche per la prima parte di dicembre, con nuovi affondi in arrivo dall'Atlantico. Questo a causa di una profonda anomalia nel campo barico presente tra le Isole Britanniche e l'Islanda, una vera e propria ferita nel cuore dell'Oceano Atlantico che continua a pilotare flussi instabili fin sul nostro Paese.
Successivamente, diciamo entro la prima decade del prossimo mese, prende sempre più piede l'ipotesi di una prima sventagliata fredda dalla Russia in grado di far calare sensibilmente le temperature su buona parte dell'Italia. Vedremo se nei prossimi aggiornamenti verrà confermata o smentita, sicuramente il comprato nord-orientale del continente si sta raffreddando notevolmente, gettando probabilmente le basi per il famoso anticiclone russo.

E poi cosa potrebbe succedere?
In seguito la configurazione potrebbe cambiare radicalmente, lasciando spazio a un periodo maggiormente stabile, ad una probabile rimonta dell'alta pressione su buona parte del bacino del Mediterraneo. Questo potrebbe tradursi in una fase più soleggiata con temperature oltre le medie specie sulle regioni del Centro-Sud, almeno fino alla metà del mese.
Discorso diverso al Nord dove la stabilità e l'assenza di venti favorirebbe il ritorno delle nebbie sulle pianure con valori termici di conseguenza più bassi anche durante il giorno (specie in caso di persistenza dello strato nebbioso).

Per la seconda ed ultima parte del mese le incertezze aumentano ulteriormente (vista la distanza temporale). Secondo le mappe stagionali ci aspettano giorni con temperature oltre le medie di circa 1-2°C su buona parte del Paese. Le precipitazioni sono previste senza particolari scossoni, chissà che la NEVE non torni a farsi vedere quanto meno sulle nostre montagne.

E proprio a proposito di NEVE alcune proiezioni, forse un po’ azzardate, ma non certo folli, indicano il ritorno della NEVE a quote basse tra la fine dell’anno e Capodanno 2020. Non ci resta che attendere, chissà che non sia un Capodanno col BOTTO...