Mappa lammaMappa lammaIl Nordovest, seppur abituato a fasi di tempo molto perturbato, dovrà comunque prepararsi all'ennesima parentesi piuttosto turbolenta sul fronte meteo. Sono infatti attesi 3 giorni consecutivi sotto piogge insistenti che colpiranno principalmente la LIGURIA e il PIEMONTE dove si avranno precipitazioni anche sotto forma di nubifragi. Ma vediamo più nel dettaglio come evolverà questo forte peggioramento.

Si comincia già dalla giornata di venerdì quando le piogge saranno abbastanza diffuse ma fortunatamente ancora non intense salvo qualche isolato rovescio. Ma la situazione si andrà rapidamente aggravando soprattutto in tarda serata quando forti precipitazioni andranno a colpire l'area di ponente fino ai settori centrali della Liguria ma anche tutto il Piemonte in particolare la fascia più settentrionale. Durante la successiva notte intensi rovesci colpiranno le aree liguri intorno a Sanremo, Imperia, Alassio e a salire Finale Ligure , il savonese fino a Genova e sul Piemonte specialmente le aree alpine e prealpine.

Le forti ed abbondanti piogge insisteranno in forma reiterata anche per tutto il corso della notte. A preoccupare sarà la persistenza dei fenomeni che insisteranno anche per tutta la giornata di Sabato e sempre sulle medesime zone della Liguria ma con forte coinvolgimento di tutto il Piemonte con elevato rischio per la città di Torino. Attenzione inoltre alla neve che potrà cadere copiosa sui rilievi piemontesi oltre i 1400-1500 metri di quota. Attesi ulteriori accumuli notevoli in quota, anche di oltre 1 metro e mezzo (150cm) dai 1800-2000m, con elevato rischio valanghe o slavine. Domenica ancora piogge anche abbondanti al mattino, ma in progressiva attenuazione nel corso della giornata. Prestare massima attenzione e spostarsi solo se strettamente necessario, in particolare tra astigiano, alessandrino e in generale su tutta la fascia pedemontana.

Questo persistere del maltempo è dovuto al fatto che la perturbazione non riesce ad evolvere verso levante frenata da un campo di alta pressione presente a est del nostro Paese e per la precisione sull'area balcanica. Ci sono dunque tutti i presupposti per elevare il rischio alluvionale.

Le buone notizie arrivano invece dalla giornata di domenica quando già dal mattino l'intensità dei fenomeni comincerà a piccoli passi ad attenuarsi anche se la pioggia continuerà a cadere fino a sera specie sulle zone meridionali piemontesi. Cesserà invece nel corso della notte successiva, preludio ad un lunedì sicuramente più asciutto.